Ibridazione. Politiche delle cure e delle culture

A seguito della mostra “Cultural Dislocations and Hybrity. Politiche delle cure, politiche delle culture”della Prof.Jaswant Guzder (Dept. of Psychiatry, Mc Gill University Montreal) e del programma di incontri che si sono svolti presso il Museo Laboratorio della Mente nell’autunno 2017 è in stampa per Il Pensiero Scientifico Editore il volume ”Ibridazione. Politiche delle cure e delle culture” a cura di Pompeo Martelli ( Direttore del Museo Laboratorio della Mente) con i contributi di Francesca Gollo, Vera Fusco, Marco Salustri, Jaswant Guzder, Roberto Beneduce, Giovanni Pizza, Dario Evola, Bianca Tosatti.

EXPO Salute Mentale 2019 9-12 Maggio 2019

Roma 10 MAGGIO 2019

19:30-20:30

Presentazione Mostra 
NANOF. VIAGGIO DI RITORNO

a cura di
Museo Laboratorio della Mente ASL Roma 1

Azienda USL Toscana nord ovest

Onlus Inclusione Graffio e Parola

Studio Azzurro

Spazio:  sala conferenze 

Coordina: Marco Salustri

Pompeo Martelli (Museo Laboratorio della Mente, Roma)

Claudio Grandoli (Onlus Inclusione Gaffio e Parola, Volterra)

Federico Russo , Direttore UOC CSM 14 ASL Roma 1

Pagina Facebook – EXPO Salute Mentale

II Convegno – Musei, memorie e narrazioni per la salute mentale

ROMA – PIAZZA S. MARIA DELLA PIETA’ 7- 8  NOVEMBRE 2019

Museo Laboratorio della Mente – ASL Roma 1
Museo del Manicomio – San Servolo Servizi Metropolitani di Venezia
Con il patrocinio di
ICOM ITALIA
MiBAC
MINISTERO DELLA SALUTE

La prosecuzione del programma di collaborazione tra il Museo Laboratorio della Mente (ASL Roma 1) e il Museo del Manicomio (San Servolo Servizi Metropolitani di Venezia), avviato nel 2018 con il I Convegno Musei, Memorie e Narrazioni per la salute mentale nell’Isola di San Servolo, ha permesso di sviluppare ulteriori attività e collaborazioni istituzionali permettendoci di dare continuità  a questa iniziativa che si propone come proficuo momento di incontro e di condivisione delle esperienze che contribuiscono a realizzare, con e per la cittadinanza, un nuovo modo di leggere e comunicare il disagio psichico, promuovendo conoscenza  e benessere.

Anche quest’anno musei, aziende sanitarie, cooperative e associazioni culturali che realizzano attività legate al “paesaggio culturale degli ex ospedali psichiatrici e alla salute della comunità” sono i protagonisti di questo Convegno. Come evidenziato dalla Carta di Siena (ICOM, 2014) i musei costituiscono un punto di forza di un nuovo e diverso modello di tutela attiva del patrimonio culturale. Un museo pienamente responsabile del paesaggio culturale interviene su di esso per proteggerlo e conservarlo in quanto entità materiale e per interpretarlo e valorizzarlo in quanto entità immateriale mettendo in campo tutte le risorse  economiche, umane e intellettuali necessarie a questo scopo. Musei diffusi per la salute mentale che vanno oltre le loro mura per aprirsi al territorio, capaci di narrare la comunità e la città, sviluppando azioni che coinvolgono servizi socio-sanitari, scuole, enti locali e risorse culturali (archivi, biblioteche, festival e incontri per la salute mentale), parchi urbani, architetture, piazze, strade divenendo luoghi di promozione di benessere, coesione sociale e appartenenza.

Il Convegno si concluderà con la firma della Convenzione denominata “Mente in Rete” -ideata e già sottoscritta dal Museo Laboratorio della Mente ( ASL Roma 1 ) e dal  Museo del Manicomio (San Servolo Servizi Metropolitani di Venezia) – anche da parte di AUSL Toscana sud-est , AUSL Modena, AUSL Reggio Emilia, Fondazione CeRPS Nocera Inferiore (Salerno)  allargando e qualificando la rete dell’iniziative.