L’altro in noi

Il Museo Laboratorio della Mente partecipa al programma di Biblioteche di Roma in ricordo di Franco Basaglia.

Il 15 e 16 giugno diretta streaming sul  profilo facebook Museo Laboratorio della Mente sul canale youtube delle Biblioteche di Roma e sui profili facebook @biblioteche.roma, @bibliotecafrancobasaglia

La follia in Dante

10 luglio 2021 ore 19:00 Per informazioni e prenotazioni: info@teatroreale.it Biglietto comprensivo di visita al Museo Laboratorio della Mente

Il Lazio celebra Dante con “A riveder le stelle”.

Dal 25 marzo e per tutto il 2021 eventi, convegni e performance per celebrare i 700 anni dalla morte del sommo poeta.

Il Museo Laboratorio della Mente partecipa, in collaborazione con Teatro Reale, con l’evento “La follia in Dante”, lettura spettacolo narrazioni storico-cliniche con Raul Mordenti e Alessandro Rubinetti.

Dante usa l’aggettivo folle per la prima volta nel II canto dell’Inferno, ripetendolo ancora nel Purgatorio e nel Paradiso. Follia è per l’Alighieri la temerarietà dell’agire umano, la caduta nel peccato di superbia intellettuale. L’evento prevede letture dei brani della Divina Commedia accompagnate da un quartetto d’archi con punteggiature narrative sull’esperienza tragica /critica della follia come parte dello scenario e del linguaggio comuni nel Rinascimento.

http://www.regione.lazio.it/rl/dante/evento/la-follia-in-dante/

Scegli il contemporaneo – Tutte le immagini del mondo

Sabato 24 Ottobre 2020 Il Museo Laboratorio della Mente ospita uno degli appuntamenti di Scegli il contemporaneo – Tutte le immagini del mondo, progetto vincitore dell’Avviso Pubblico EUREKA! ROMA 2020-2021-2022 e parte di ROMARAMA 2020 il palinsesto culturale promosso da Roma Capitale, realizzato in collaborazione con SIAE.

Per l’incontro del Museo Laboratorio della Mente l’artista Gea Casolaro accompagnerà il pubblico alla scoperta della storia dell’istituzione manicomiale, attraverso un’esperienza che permetterà di riflettere sul paradigma salute/malattia e sul confronto con l’alterità.

Immagine: La costruzione – Attraverso l’universo, Gea Casolaro, 2018

PRESENTAZIONE DEL LIBRO IBRIDAZIONE Politiche delle cure e delle culture

5 dicembre 2019 ore 10

Accademia di Belle Arti di Roma

Aula Magna Lea Mattarella

via di Ripetta 222

intervengono: Dario Evola, Alessandra Porfida, Jaswant Guzder, Pompeo Martelli

“Ibridazione è una nozione ambigua perché rinvia a un complesso di fenomeni e processi che appartengono più all’ordine della natura che al dominio della cultura. Tuttavia come i geni portatori di informazioni anche i simboli viaggiano attraverso una comunicazione verbale e visiva. La nozione di ibridazione è ambigua perché si potrebbe sottointendere che esistono culture pure. Ma tutte le culture sono ibride, prodotti di stratificazioni e selezioni che hanno luogo come conseguenza di processi di incontro. Ibridazione, così come la usiamo qui su suggerimento di Jaswant Guzder, è invece una nozione che serve a denotare, piuttosto che una qualità, una sostanza delle culture, un processo dinamico di incontro, trasmissione e scambio” (dalla prefazione di Pompeo Martelli)

LA PROVA GENERALE

28 OTTOBRE 2019
ORE 19:00

50 anni fa , il 12 dicembre del 1969, l’Italia fu colpita  duramente dalla strage in piazza Fontana a Milano. I familiari delle vittime attendono ancora di conoscere la verità e di avere giustizia per i loro cari rimasti uccisi e feriti negli attentati.
Pochi ricordano che pochi mesi prima altre bombe furono fatte esplodere come il prologo della “ strategia della tensione”  e della stagione che sarebbe passata alla storia come “anni di piombo” .
Nel libro-inchiesta Prima di Piazza Fontana. La prova generale  (Laterza, pagg. 369, euro 20,00) il giornalista Paolo Morando (vicecaporedattore del quotidiano  Trentino) racconta, attraverso documenti inediti, una pagina nera della giustizia italiana e le verità nascoste di uno dei momenti chiave della storia del nostro Paese.
Il Museo Laboratorio della Mente nella sua natura di spazio democratizzante, inclusivo e polifonico per il dialogo critico sul passato e sul futuro è lieto di invitarvi alla presentazione del libro con la partecipazione di:
Pompeo Martelli (moderatore), Fabio Isman , Raul Mordenti, Paolo Morando
Ingresso libero.
L’accesso in sala è consentito fino al limite dei posti disponibili

II Convegno – Musei, memorie e narrazioni per la salute mentale

ROMA – PIAZZA S. MARIA DELLA PIETA’ 7- 8  NOVEMBRE 2019

Museo Laboratorio della Mente – ASL Roma 1
Museo del Manicomio – San Servolo Servizi Metropolitani di Venezia
Con il patrocinio di
ICOM ITALIA
MiBAC
MINISTERO DELLA SALUTE

La prosecuzione del programma di collaborazione tra il Museo Laboratorio della Mente (ASL Roma 1) e il Museo del Manicomio (San Servolo Servizi Metropolitani di Venezia), avviato nel 2018 con il I Convegno Musei, Memorie e Narrazioni per la salute mentale nell’Isola di San Servolo, ha permesso di sviluppare ulteriori attività e collaborazioni istituzionali permettendoci di dare continuità  a questa iniziativa che si propone come proficuo momento di incontro e di condivisione delle esperienze che contribuiscono a realizzare, con e per la cittadinanza, un nuovo modo di leggere e comunicare il disagio psichico, promuovendo conoscenza  e benessere.

Anche quest’anno musei, aziende sanitarie, cooperative e associazioni culturali che realizzano attività legate al “paesaggio culturale degli ex ospedali psichiatrici e alla salute della comunità” sono i protagonisti di questo Convegno. Come evidenziato dalla Carta di Siena (ICOM, 2014) i musei costituiscono un punto di forza di un nuovo e diverso modello di tutela attiva del patrimonio culturale. Un museo pienamente responsabile del paesaggio culturale interviene su di esso per proteggerlo e conservarlo in quanto entità materiale e per interpretarlo e valorizzarlo in quanto entità immateriale mettendo in campo tutte le risorse  economiche, umane e intellettuali necessarie a questo scopo. Musei diffusi per la salute mentale che vanno oltre le loro mura per aprirsi al territorio, capaci di narrare la comunità e la città, sviluppando azioni che coinvolgono servizi socio-sanitari, scuole, enti locali e risorse culturali (archivi, biblioteche, festival e incontri per la salute mentale), parchi urbani, architetture, piazze, strade divenendo luoghi di promozione di benessere, coesione sociale e appartenenza.

Il Convegno si concluderà con la firma dell’accordo di collaborazione denominato “Mente in Rete” – ideato e già sottoscritto dal Museo Laboratorio della Mente (ASL Roma 1) e dal Museo del Manicomio di Venezia (San Servolo srl) – da parte della AUSL Toscana sud-est, AUSL Modena, AUSL Reggio Emilia, ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda Milano, ASL Salerno, ASL TO3 Collegno, ASL Rieti e dalla Fondazione CeRPS Nocera Inferiore (Salerno), consolidando il network e sviluppando la programmazione dell’iniziative.

ATTENZIONE: le iscrizioni al Convegno sono chiuse per esaurimento posti